La felicità va in mostra a Zurigo. Intervista a Stefan Sagmeister

Contrariamente a quando decretato, pochi mesi fa, dal World Happiness Report 2017, che vede la Norvegia come il luogo più felice del mondo, ci piace invece proporre Zurigo come meta di benessere e felicità, grazie anche alla mostra The Happy Show del graphic designer Stefan Sagmeister che espone dal 28 ottobre 2017 fino all’11 marzo 2018 al Museum für Gestaltung. Anche l’artista e graphic designer, ammette che la Svizzera si è sempre posizionata piuttosto in alto nei sondaggi. “Gli psicologi pensano che Zurigo sia una città molto felice… anche se secondo me si sta meglio a Bali” ha dichiarato.

LA POP STAR DEL GRAPHIC DESIGN

Stefan Sagmeister, austriaco di nascita ma newyorkese d’adozione, è uno dei più importanti graphic designer del momento, portato alla ribalta negli anni ’90 soprattutto dalle cover dei CD realizzate per musicisti del calibro di David Byrne e Lou Reed.
Oggi Sagmeister dirige l’affermato studio Sagmeister&Walsh, fondato insieme alla sua giovanissima e geniale socia Jessica Walsh, che si occupa fra le altre di identity e rebranding per musei e istituzioni culturali internazionali. Nonostante ciò, non ha smesso comunque di farsi domande e cercare risposte: come ad esempio se fosse possibile allenare la propria mente esattamente come si allena il proprio corpo, se attraverso varie tecniche, dalla meditazione alla terapia cognitiva ai medicinali, fosse possibile stimolare la propria felicità. Domande, risposte, test, risultati, esperimenti, analisi: da qui è nato The Happy Show. 

13_The_Happy_Show.jpg

17_The_Happy_Show.jpg

THE HAPPY SHOW TOUR

La mostra The Happy Show inaugura al Museum für Gestaltung di Zurigo dedicato alla grafica e al design, dopo essere stata presentata a Parigi, Vienna e Francoforte, oltre che in numerose città degli Stati Uniti. Con un felicissimo mix di arte, design e scienze, l’esposizione mette in scena i risultati che Sagmeister ha raccolto durante la sua ricerca sulla felicità, che lo ha visto partire da una semplicissima benché fondamentale domanda: “Che cosa ci rende felici?”.
Visitare la mia esposizione è un po’ come girovagare nella mia testa, e questo mi fa davvero piacere. Una mostra come questa funziona solo se è onesta, in modo che i visitatori possano connettere con le opere, e questa decisamente lo è“, ci ha confessato l’artista.

SII CREATIVO, ED INTERATTIVO

Creativo poliedrico e spirito inquieto, Sagmeister è difficile da inquadrare, così come lo sono le sue opere: la mostra The Happy Show propone lavori in cui graphic design, installazioni video, installazioni interattive, stampe, fotografie e scritte, si mescolano insieme per un intrattenimento intelligente, visivamente seducente e ricco di contenuti.
Fra i lavori esposti” ci racconta Sagmeister “uno dei miei preferiti è l’installazione interattiva Step up to it, che riesce ad “osservare” il visitatore, e quando questo sorride la scritta a caratteri cubitali passa da bianco e nero, a colori. Quando le persone realizzano come funziona, allora iniziano a fare dei sorrisi enormi per far uscire sempre più colori. E, come si sa, il sorriso è contagioso, per cui intorno all’opera si crea un’atmosfera meravigliosa!”.

03_The_Happy_Show.jpg

18_The_Happy_Show.jpg

LE DOMANDE NON FINISCONO MAI

Dopo essersi posto fondamentali domande, Sagmeister gira le stesse anche ai visitatori, e lo fa con un’infografica in progress e un gigantesco distributore di chewing gum. La mostra inizia infatti con la domanda “Quanto sei felice?”, e con dieci dispenser numerati da 1 a 10 di gomme da masticare gialle: pensaci, datti una risposta, da 1 a 10 appunto, e prendi una gomma dal distributore corrispondente, per affermare davanti al mondo il tuo livello di felicità. Ed ecco che attraverso il livello di gomme nei dispenser si va progressivamente ricavando il livello di felicità dei visitatori.

COSA CI RENDE DAVVERO FELICI

Trovandoci all’interno di un museo dedicato al design, chiediamo a Sagmeister l’importanza che questo ha per la nostra felicità personale: “Più del 50% della popolazione mondiale oggi vive all’interno di città, dove letteralmente tutto ciò che le circonda è stato disegnato e progettato per loro, dalle lenti a contatto, agli abiti, le sedie, le stanze, le abitazioni, le strade, i parchi, le città stesse, insomma tutto. Indubbiamente possono essere progettati bene o male, e questo fa una differenza enorme. Molti prodotti ci rendono sicuramente la vita più facile, ma quello che tendiamo a fare è accorgerci di questi oggetti quando non funzionano. Prova a pensarci”.
Attraverso divertenti e coinvolgenti installazioni, l’esposizione vuole infatti proporre un momento di riflessione sul proprio benessere personale, e su come raggiungerlo. “La mostra, in sé, non vi renderà più felici, esattamente come guardare un video di aerobica di Jane Fonda non vi farà dimagrire” ma nelle intenzioni del designer c’è la speranza che l’esperienza divertente porti i visitatori ad interessarsi alla tematica e a provare su sé stessi alcune di queste strategie.

IL MUSEUM FÜR GESTALTUNG – AND FÜR HAPPINESS!

Il Museum Für Gestaltung di Zurigo, oltre a mostre temporanee, accoglie anche una vastissima collezione di design, poster, arti applicate e grafica, con più di 500.000 oggetti tra gioielli, mobili, fotografie, accessori moda, poster, film e grafiche. Per contenere questo impagabile tesoro nel 2014 ha inaugurato la sua nuova sede “Schaudepot” nel Toni-Areal di Zurigo. Forse la mostra non ci renderà più felici, ma sicuramente gli appassionati di arte e design un po’ di gioia la troveranno a Zurigo grazie alle tantissime proposte del museo.

Articolo pubblicato sul magazine online Arte.it

02_Museum für Gestaltung.jpg

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s